Archivio NotizieNewsNotizie Recenti

Elezioni: Astone, legge inadeguata a nuovi media Presidente Corecom Sicilia, propaganda si svolge anche via social

(ANSA) – PALERMO, 16 APR

“La legge 28/2000 che parla di ‘disposizioni per la parità di accesso ai mezzi di informazione durante le campagne elettorali e referendarie e per la comunicazione politica’, è ormai inadeguata alle nuove forme di comunicazione e ai media digitali perché la propaganda politica si svolge anche attraverso le piattaforme on line e i social”. Lo afferma all’ANSA la professoressa Maria Astone, presidente del Corecom Sicilia. “Si pone il problema di garantire – spiega – come previsto per i mezzi di informazione ‘offline’ dalla normativa, a tutti i soggetti politici, con imparzialità ed equità e alle medesime condizioni, l’accesso agli strumenti di informazione e comunicazione politica forniti dalle piattaforme digitali in particolare Google e Facebook”. Per Astone “serve un intervento legislativo che ampli la portata applicativa della legge, adeguandola ai nuovi media e alle nuove tecnologie dell’informazione, serve in sostanza una legge che garantisca anche la par condicio on line”. “Per colmare il vuoto normativo è stato istituito da parte di Agcom già dal 2018 un tavolo tecnico per la garanzia del pluralismo e della correttezza sulle piattaforme digitali, mentre nella vigente delibera Agcom del 2019, all’articolo 28, è stata inserita una disposizione che riguarda le ‘piattaforme per la condivisione di video e social network’ nella quale l’Autorità promuove, mediante procedure di autoregolamentazione, l’adozione da parte dei fornitori di piattaforme di condivisione di video di misure volte a contrastare la diffusione in rete, e in particolare sui social media, di contenuti in violazione dei principi sanciti a tutela del pluralismo dell’informazione e della correttezza e trasparenza delle notizie e dei messaggi veicolati e le piattaforme si impegnano ad assicurare il rispetto dei divieti sanciti dalla disciplina legislativa e regolamentare in materia di comunicazione e diffusione dei sondaggi”, afferma la presidente citando la norma. Ciascun soggetto politico interessato può, comunque, denunciare violazioni degli obblighi entro dieci giorni dal fatto al Corecom Sicilia.

Mostra di più

Articoli Correlati

Close